Fabio Abbreccia

Fabio Abbreccia nace il 6 Febbraio 1985 a Napoli.

Frequenta l’ istituto d’arte U. Boccioni, si specializza in seguito nel fumetto e l’illustrazione. Lavora come fumettista, disegna storyboard per alcuni cortometraggi e realizza illustrazioni pubblicitarie.

A 24 anni risale il primo incontro con la pittura grazie alle lezioni tenute dal maestro Raffaele Biondi. Questa esperienza ha un grande impatto sulla vita del giovane artista che decide di abbandonare le strade intraprese per dedicarsi in maniera totale alla pittura.

Da quel momento i dipinti di Abbreccia compaiono in varie mostre, personali e collettive. Di grande importanza il progetto “Icons. I volti della musica” ospitato al Museo d’Arte Contemporanea di Caserta e all’ artefiera di Catania.

Preso dal vortice della pittura, si cimenta nella creazione di una mostra personale dal titolo “La carne
copre le ossa ” in cui esplora il rapporto con il corpo femminile.

Gli ultimi anni lo hanno visto protagonista di varie collaborazioni. Contattato dalla rivista “U MAG” (prodotta da Urban Jungle) realizza la copertina del primo numero. In seguito l’autore è stato coinvolto nell’ allestimento teatrale “Variazioni Enigmatiche” di Eric Emmanuel Schmitt per cui ha realizzato la scenografia. Compare come guest star nel film d’animazione “L’ arte della felicità”, che ha aperto l’ultimo festival del cinema di Venezia, realizzando una delle sequenza finali.
Pubblica con la casa editrice GGstudio “VOLUME NERO” (libro monografico)

Attualmente è docente di illustrazione presso la Scuola Internazionale di Comics, ma è nel suo studio che passa la maggior parte del tempo, dedicando tutte le sue energie alla pittura.